F.A.Q.

In questa sezione andremo a rispondere alle domande più frequenti che ci vengono poste attraverso il modulo contattaci :

f.a.q.

– La consulenza e il preventivo è a pagamento?

Assolutamente No! La consulenza e il preventivo per legge deve essere gratuito e senza impegno. Ognuno di voi è libero di fare più preventivi con diverse società finanziarie in modo da valutare quale società vi offre il miglior preventivo:              rata – durata – netto ricavo.

– Mi hanno offerto una consulenza a domicilio, è legale?

Si è legale, ci sono società finanziarie che offrono il servizio di consulenza a domicilio del cliente. Queste consulenze devono venire eseguite da consulenti regolarmente iscritti all’OAM, i quali possono procedere al riconoscimento del cliente e all’acquisizione dei documenti necessari, ovviamente previa vostra autorizzazione con firma del modulo di privacy e conferimento di incarico.

– Oltre hai documenti mi hanno chiesto di firmare dei fogli, cosa ho firmato?

Il consulente per poter elaborare un preventivo corretto, necessita oltre che alla consegna dei documenti della firma dei seguenti moduli (e solo questi!):

– Conferimento d’incarico: autorizzare il consulente ad utilizzare e ad analizzare i vostri documenti per l’elaborazione del preventivo

– Modulo della Privacy: documento importantissimo dove viene autorizzato il consulente a poter trattenere i vostri dati sensibili necessari alla valutazione e solo per la valutazione

– Certificato di stipendio: l’azienda richiede che il certificato sia richiesto dal dipendente oppure che il consulente/finanziaria sia delegato a richiederlo

– Richiesta di Conteggio estintivo: delega al consulente/finanziaria per richiedere a vostro nome il conteggio estintivo dell’operazione che avete in corso

– Questionario CQS: è un semplice questionario dove andranno a compilare la vostra situazione debitoria

– Modulo di richiesta OBIS M / estratti contributivi: nel caso di cliente pensionato date autorizzazione alla richiesta dell’Obis M, se dipendente vicino all’età pensionistica, la stampa degli estratti contributivi per valutare la massima durata dell’operazione.

– Ma una volta che ho firmato per l’ottenimento del preventivo, sono in qualche modo vincolato?

La firma del mandato e degli altri moduli non implica nessun vincolo e non preclude la possibilità di ottenere altri preventivi da altre società finanziarie.

– Perché ci vuole così tanto per ottenere solo un preventivo?

A volte ci si impiega più tempo rispetto ad un prestito personale, in quanto il consulente per certificare il preventivo deve avere a disposizione tutti i documenti sopra citati e ovviamente per alcuni di essi, tipo conteggio estintivo e certificato di stipendio, ci si deve adeguare alle tempistiche delle amministrazioni che li producono.

– Ho firmato i contratti ma un’altra finanziaria mi ha fatto un’offerta migliore, posso retrocedere e cambiare finanziaria?

La risposta è si! Il contratto che avete firmato prevede una clausola di recesso per cui, entro e non oltre 14 giorni, potete richiedere tramite raccomandata A/R l’annullamento. Nel caso la finanziaria avesse già liquidato la pratica, ovviamente la somma ricevuta andrà interamente restituita.

– Posso fare una rata più alta del quinto dello stipendio o della pensione?

No, in quanto per legge la rata è calcolata in misura massima del quinto. Solo per i lavoratori dipendenti, se l’azienda lo permette, si può valutare la delegazione di pagamento, cioè la seconda trattenuta in busta paga magari di importo inferiore al quinto pieno.

– Sono obbligato a pagare l’assicurazione? Perché?

Si, il prodotto della cessione del quinto, per legge, deve essere accompagnata da una polizza assicurativa che nel caso del lavoratore dipendete copra il rischio impiego e rischio vita, nel caso di cliente pensionato solo rischio vita.

– Il consulente mi ha fatto domande sul mio TFR, perché ?

Per l’ottenimento della cessione del quinto il ruolo del TFR è importante. A differenza del prestito personale dove viene richiesta una seconda firma, il cosiddetto “garante”, nella cessione del quinto questo non viene richiesto perché è un prestito a firma singola, ma viene usata la garanzia del TFR. Nel prestito personale, nel caso in cui il cliente non paghi, la finanziaria si rivale sulla seconda firma, mentre nel caso della cessione se non vengano fatti i dovuti pagamenti e non si raggiungano degli accordi diversi, la finanziaria è autorizzata a richiedere il TFR del cliente in misura dell’ammontare del prestito.

– Verso il TFR da 10 anni su un fondo ma mi hanno detto che non posso richiedere la cessione, perché? 

Il mondo dei fondi e dei piani pensionistici è molto vasto e ne esistono di tutti i tipi. Nel mondo della cessione i fondi si dividono in 2 categorie, quelli che si definiscono ESCUTIBILI, cioè che permettono il riscatto da parte della finanziaria nel caso di inadempienza nei pagamenti, e quelli invece NON ESCUTIBILI, che al contrario non lo permettono.

NON HAI TROVATO RISPOSTA ALLA TUA DOMANDA? 

Compila il form Contattaci o scrivici su Messenger e ponici la tua domanda!